CAUSA EMERGENZA COVID-19 I POSTI SONO LIMITATI – E’ CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE

NEXT
Antonio Fazzini_Donna fatta a pezzi.png

INGRESSO SPETTACOLO

interi 14 € ridotti 12 € (over 60, under 25, Coop, Arci, Uisp, ATC)

ridotti 7 € residenti Scandicci

ridotti 5 € per gli iscritti ai corsi di formazione

TEATRO STUDIO MILA PIERALLI 

via Donizetti, 58 – SCANDICCI (FI)

INFO E PRENOTAZIONI

IL TEATRO DELLE DONNE presso TEATRO STUDIO MILA PIERALLI Via Donizetti, 58 - 50018 Scandicci (FI)

055 2776393 - teatro.donne@libero.it - facebook/ilteatrodelledonne | twitter/teatro_donne | instangram/teatrodelledonne

Prevendita: Negozi del Circuito BoxOffice Toscana e Ticketone, online su www.ticketone.it 

LA DONNA FATTA A PEZZI  

dal racconto di Assia Djebar nella raccolta Nel cuore della notte algerina

IL TEATRO DELLE DONNE

                                                                                                   

giovedì 25/venerdì 26/sabato 27/domenica 28 novembre ore 21.00

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

TEATRO STUDIO MILA PIERALLI / Scandicci

         

testo e regia Filippo Renda
aiuto regia Martina Vianovi
con ANTONIO FAZZINI
collaborazione e patrocinio Casa Editrice Giunti e Istituto Francese di Firenze

La narrazione prende spunto dalla omonima novella delle Mille e una notte in cui Shahrazad, la mitica sultana, racconta la storia di una giovane donna senza nome che sarà uccisa dal marito ebbro di una gelosia innescata da un equivoco. Ma, nel più perfetto stile del fondamentale testo della letteratura araba, l'oggetto della narrazione diviene a sua volta voce narrante, in un susseguirsi di scatole cinesi, un dipanarsi articolato e avvincente di racconto nel racconto.
La storia inizia nella Baghdad del califfo Harun al-Rashid, città di spezie, di profumi, di raffinati e torbidi piaceri. In questa prima parte del racconto è il desiderio che sembra dominare: il desiderio della giovane sposa di mele dolci, succose croccanti; il desiderio del marito che, attraverso il dono dei prelibati frutti, otterrà l'amore della bella moglie; il desiderio del califfo di rivalsa, chissà per quale recondito e inconfessabile motivo, nei confronti del suo favorito, Jafar il bello...
E via, in un susseguirsi travolgente di storie, fino all'Algeria del 1994. Un'Algeria devastata dalla guerra civile, cantata da Assia Djebar nell'infinito lamento di Bianco d'Algeria (pubblicato in Italia nel 1998). Qui la giovane insegnante Atika verrà uccisa. Giustiziata, secondo i suoi assassini. La colpa? Avere insegnato in francese, lingua del colonialismo “storie oscene”, ovvero le Mille e una notte. 
La vicenda di Atika trae spunto da una storia realmente accaduta ad Algeri, durante la guerra civile. Assia Djebar, attraverso la sua narrazione superba, travolgente, poetica, ci porta per mano dalla Baghdad del mito, pervasa di erotismo e di profumi, a un Algeria dei giorni nostri dove, non solo l'ignoranza non riconosce il valore del testo per eccellenza emblematico del mondo islamico -le Mille e una notte-, ma addirittura tradisce “un hadith, una raccomandazione del Profeta, che recita: «Cerca il sapere, foss’anche in Cina!».” 
Poco più di venti anni sono passati dalla scrittura del racconto La donna fatta a pezzi. Ma l'attualità profetica, vorremmo dire, del pensiero di Assia Djebar, la sua ricchezza, ci fornisce ancora oggi spunti per riflettere, per cercare di capire, per non arrenderci all'ignoranza che è madre di ogni intolleranza, di ogni violenza e matrigna della tolleranza e della civiltà.