CAUSA EMERGENZA COVID-19 I POSTI SONO LIMITATI – E’ CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE

NEXT
BRUNA ROSSI E GIORGIA SENESI_Farfalle (2).jpg

INGRESSO SPETTACOLO

interi 14 € ridotti 12 € (over 60, under 25, Coop, Arci, Uisp, ATC)

ridotti 7 € residenti Scandicci

ridotti 5 € per gli iscritti ai corsi di formazione

TEATRO STUDIO MILA PIERALLI 

via Donizetti, 58 – SCANDICCI (FI)

INFO E PRENOTAZIONI

IL TEATRO DELLE DONNE presso TEATRO STUDIO MILA PIERALLI Via Donizetti, 58 - 50018 Scandicci (FI)

055 2776393 - teatro.donne@libero.it - facebook/ilteatrodelledonne | twitter/teatro_donne | instangram/teatrodelledonne

Prevendita: Negozi del Circuito BoxOffice Toscana e Ticketone, online su www.ticketone.it 

FARFALLE

ASSOCIAZIONE TEATRALE AUTORI VIVI / TEATRO ELFO PUCCINI-ERT

                                                                                                   

sabato 18 settembre ore 21.00

TEATRO STUDIO MILA PIERALLI / Scandicci

testo e regia Emanuele Aldrovandi      
scene e grafiche
CMP design
costumi Costanza Maramotti     
luci
Vincent Longuemare
assistente alla regia Valeria Fornoni
con BRUNA ROSSI e GIORGIA SENESI

 

PRIMA REGIONALE

Una favola nera fra Milano, Palermo e New York. Un gioco divertente e crudele. Un legame che non può essere spezzato. Una madre suicida da lasciarsi alle spalle. Un padre assente che appare solo per creare problemi. Un matrimonio combinato “perché è una cosa vintage”. La lontananza. Le scoperte. Diventare adulte. Cambiare e non riconoscere più chi si ha di fronte. Due sorelle ormai lontane che raccontano la loro storia. Due donne che interpretano tutti i personaggi della loro vita.

Testo vincitore Premio Hystrio scritture di scena 2015 e del Mario Fratti Award 2016

“Per la tessitura drammaturgica di un testo capace di mantenere alta l’attenzione, ma anche di emozionare con barlumi di poesia. Per la bellezza di due personaggi femminili credibili, a tutto tondo, sapientemente tratteggiati con gusto contemporaneo. Ma anche per un realismo un po’ magico che lo trasforma in una curiosa favola nera dove i giochi sono crudeli e la bontà ambigua” (motivazione Premio Hystrio 2015)