locandina
scheda tecnica

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

OMAGGIO A FRANCA RAME

LO STUPRO E MEDEA

testi FRANCA RAME

con AMANDA SANDRELLI e ELENA ARVIGO

luci ANDREA NARESE, fonica BRANDO NENCINI

Franca Rame ha sempre dato voce alle donne. Vogliamo ricordarla per LO STUPRO, il monologo che scrisse nel 1975 e poi portò coraggiosamente in teatro (e negli anni ‘80 anche in Rai di fronte a milioni di persone). Franca Rame disse di aver preso il racconto da una testimonianza che aveva letto su Quotidiano Donna. In realtà aveva subito uno stupro in prima persona: la sera del sera del 9 marzo del 1973, a Milano, fu caricata su un furgone, torturata e violentata a turno da cinque uomini. Non furono mai arrestati, nonostante molti anni dopo un pentito abbia fatto i loro nomi, perché il reato era ormai prescritto. Ma Franca Rame ha sconfitto la loro violenza con la parola. Invece di accettare l’obbligo al silenzio esistenziale e politico, ha dimostrato con la sua arte che era più forte dei suoi violentatori.

Vogliamo accompagnare questo breve monologo a MEDEA, altra figura fortissima dell’universo femminile, mai abbastanza conosciuta e studiata, figura contemporanea, perché ancora oggi esistono madri che sopprimono i propri figli e che spesso uccidendo loro annientano e uccidono se stesse.

Franca Rame sottolineava sempre come il monologo dedicato alla MEDEA di Euripide fosse il simbolo di una donna emancipata, che non è disposta a piegarsi davanti a nessuno e che si ribella all’uomo, reagendo al tradimento e ricorrendo persino all'infanticidio. Spiegava così la modernità del testo: Medea aiuta Giasone a conquistare il vello d’oro, poi parte con lui dopo avere ucciso il fratello e il padre che si opponevano alla relazione, i due convivono e hanno due figli, con il passar del tempo Medea invecchia e Giasone sposa la giovane figlia del Re; il suo tratteggia un destino simile a quello di tante donne, per il quale l’uomo si sente autorizzato ad abbandonarle. Medea si ribella a questa ingiustizia, mentre tutti la invitano ad accettare il suo destino, Medea arriva a concepire l’idea che i figli siano il giogo che l’uomo mette sul collo della donna per costringerla a subire la sua volontà, e allora prende una decisione atroce: uccide i due bambini, liberandosi dall'oppressione e vendicandosi di Giasone. Poi in un carro alato si dilegua nel cielo.

Come ricorda Dario Fo, il maggior lavoro di elaborazione dei testi di Franca Rame è avvenuto sempre direttamente sul palcoscenico: “sera dopo sera, Franca, valendosi dell’apporto del pubblico, che è sempre il nostro più valido collaboratore, variava ritmi, struttura dei periodi, sveltiva i passaggi, aggiungeva o toglieva battute...”.

Please reload