top of page
NON SEPPELLITEMI VIVA_RAFFAELLA AZIM_edited.jpg

INGRESSO SPETTACOLO

interi  15€

ridotti 12€ over 60, under 25, Coop, Arci, Uisp, ATC

ridotti  7€ residenti quartiere 1 e del quartiere 4 

ridotti 5€ per gli iscritti ai corsi di formazione

CORTILE DI VILLA VOGEL

Via delle Torri, 23 - Firenze

INFO E PRENOTAZIONI

IL TEATRO DELLE DONNE  presso TEATRO GOLDONI

Via Santa Maria, 15  -  50125 Firenze (FI)

055 2776393 - teatro.donne@libero.it -

Prevendita: Negozi del Circuito BoxOffice Toscana e Ticketone, online su www.ticketone.it 

NON SEPPELLITEMI VIVA

LUNARIA TEATRO

                                                                                     ESTATE FIORENTINA

sabato 09 SETTEMBRE ore 21,00

CORTILE VILLA VOGEL| Firenze

Reading dedicato a Marina Cvetaeva

di Vico Faggi

regia di Daniela Ardini

con RAFFAELLA AZIM  

PRIMA REGIONALE

La più grande poetessa russa rivive in un reading teatrale di un’ora circa grazie alla forza delle parole del drammaturgo e poeta Vico Faggi, che ricostruisce una personalità complessa toccandone tutte le corde: da quella intima e passionale del ricordo personale, a quella del grido per la passione inesauribile per la poesia, a quella della intensità drammatica per la tensione intellettuale e psicologica che la portarono al suicidio.

La sanguinosa rivoluzione russa era alle porte e suo marito Serjej Efron, amatissimo da lei, nonostante i vari tradimenti da parte della poetessa, era arruolato nell’Armata Bianca e per questo motivo i due rimasero separati dal 1917 al 1922.

All’età di soli 25 anni si ritrovò sola con le due figliolette in una Mosca in preda a una carestia mai vista in precedenza.

Durante l’inverno 1919-20 si trovò costretta a lasciare la figlia più piccola, Irina, in un orfanotrofio, e la bambina vi morì nel febbraio per denutrizione.

Marina Cvetaeva fu una delle più grandi personalità letterarie del Novecento, visse i momenti bui della rivoluzione sovietica, fu in contatto con gli artisti più significativi del suo tempo, morì suicida in una povertà disarmante il 31 agosto 1941 a Elabuga, una sperduta cittadina del Tatarstan.

bottom of page