locandina
4:48 PSYCHOSIS (1)
4:48 PSYCHOSIS (1)

Elena Arvigo

4:48 PSYCHOSIS (2)
4:48 PSYCHOSIS (2)

Elena Arvigo

4:48 PSYCHOSIS (3)
4:48 PSYCHOSIS (3)

Elena Arvigo

4:48 PSYCHOSIS (4)
4:48 PSYCHOSIS (4)

Elena Arvigo

4:48 PSYCHOSIS (5)
4:48 PSYCHOSIS (5)

Elena Arvigo

4:48 PSYCHOSIS (6)
4:48 PSYCHOSIS (6)

Elena Arvigo

4:48 PSYCHOSIS

di SARAH KANE

traduzione BARBARA NATIVI

con ELENA ARVIGO

regia VALENTINA CALVANI

musiche SUSANNA STIVALI

scene, costumi, ideazione luci VALENTINA CALVANI e ELENA ARVIGO

 

4:48 Psychosis è l’ultimo testo scritto da Sarah Kane, una partitura lirica, una sinfonia sull'amore e sull'assenza di amore attraversato in versione integrale da Elena Arvigo che dà voce e corpo ad uno dei testi più controversi, assoluti e intimi del teatro contemporaneo mondiale.

4.48 Psychosis non aderisce alla forma teatrale convenzionale: la parola di Sarah Kane è flusso di pensiero: 24 quadri in cui non ci sono indicazioni per la messa in scena né temporali né psicologiche.

4:48 Psychosis è quello che succede nella mente quando crollano le barriere che dividono la realtà dall’immaginazione: è la fragilità dell’amore, la tenacia e l’irrinunciabilità della speranza sentimentale, il desiderio e la ricerca dell’amore incondizionato, è la mancanza di amore e infine il rifiuto.

4:48 Psychosis non è dunque l’ultima lettera di un suicida ma una preghiera, una richiesta di ascolto e di amore.

Please reload