TALE MADRE, TALE FIGLIA (1)
TALE MADRE, TALE FIGLIA (1)
press to zoom
TALE MADRE, TALE FIGLIA (2)
TALE MADRE, TALE FIGLIA (2)
press to zoom
TALE MADRE, TALE FIGLIA (3)
TALE MADRE, TALE FIGLIA (3)
press to zoom
TALE MADRE, TALE FIGLIA (4)
TALE MADRE, TALE FIGLIA (4)
press to zoom
TALE MADRE, TALE FIGLIA (5)
TALE MADRE, TALE FIGLIA (5)
press to zoom
TALE MADRE, TALE FIGLIA (6)
TALE MADRE, TALE FIGLIA (6)
press to zoom

TALE MADRE, TALE FIGLIA

scritto e diretto da LAURA FORTI

con AMANDA SANDRELLI

e con ELENA FERRI

musiche di ENRICO FINK

scena MARCO ROSSI

in coproduzione con OFFICINE DELLA CULTURA

 

Un bagno, in una casa come tante. Dentro, due donne: una madre e una figlia. Fuori il mondo con le sue tensioni, la pressione della scuola e del posto di lavoro. Dentro, una madre e una figlia che si preparano e condividono paure, sogni, ansie, aspettative. Che si guardano, si rispecchiano l'una nell'altra in un corpo a corpo a volte leggero, a volte doloroso, a volte anche rabbioso. Fuori è la giungla, la competizione.

La pressione di un mondo a misura maschile, ma anche - e parlarne è quasi un tabù - l'aggressione delle donne: delle compagne di scuola, delle compagne di lavoro. Di "amiche" in realtà vittime e carnefici di un meccanismo - che si chiami bullismo, o mobbing, o altro ancora - spesso nascosto e sommerso perché meno appariscente del suo corrispettivo maschile, ma subdolo, sofisticato, crudele. E dentro? Riesce il rapporto fra madre e figlia a porre un argine, a contrastare la marea montante di odio che anche le donne possono riversare sulle altre donne? O rischia, anche questo nucleo affettivo fondamentale, di rendersi complice e parte della giungla, riproponendo modelli di anaffettività e competizione?

Un bagno, un luogo semplice, riconoscibile. Una storia come tante, che sembra restare nei canoni della commedia e parla un linguaggio apparentemente leggero, divertente, ma che scivola in maniera sottile e silenziosa verso profondità oscure, e la riflessione su un tema difficile e nascosto. Nella speranza che, come tutte le commedie, possa chiudersi con una via di fuga, la capacità di superare il fantasma dell'odio intrappolato con un gesto d'amore.

Please reload